Blood & gold

La foglia e la formica…
07/02/2012
Lago di Misurina. Tre cime di Lavaredo
07/03/2012

– Andrea –

INFO SULL’AUTORE: ANDREA POZZI: Andrea Pozzi è un giovane fotografo paesaggista nato a Bormio, nel cuore delle Alpi. Sin da giovanissimo è sempre stato attratto da terre lontane, luoghi dove il contatto con la Natura è la base e dove la civilizzazione non ha potuto mettere le sue radici per forza di cose. L’emozione di fronte ad una nuova esperienza, ad un nuovo paesaggio, ad un nuovo incontro è per lui linfa vitale e nelle sue vene scorre questa smania di scoperta che, di viaggio in viaggio, non fa che rafforzarsi. Il suo disegno di vita è sempre più chiaro. L’obiettivo è quello di esplorare i diversi ecosistemi del nostro Pianeta per poter testimoniare, attraverso immagini e scritti, le straordinarie dinamiche, dalle più comuni alle più occulte, che caratterizzano le tipologie più disparate di paesaggio. Ha al suo attivo decine di viaggi in tutto il mondo. Il suo portfolio mostra scatti di montagna e di mare, si spazia dai ghiacci dell’Alaska alle vette aguzze della Patagonia e dell’Asia, dai paradisi tropicali della Polinesia alle lande desolate della Scozia, dalle intricate foreste vergini della Nuova Zelanda ai grandi mammiferi del Nord America e così via. Una ricerca continua la sua, una fame insaziabile, che lo porta a vivere esperienze pure, ognuna diversa dall’altra ma con delle caratteristiche in comune: l’adrenalina e la gioia di vivere che infondono. La fotografia occupa da tempo una grossa fetta della sua vita quotidiana. Dopo varie collaborazioni, nel 2012 è entrato a far parte di un noto Team di fotografi paesaggisti italiani, organizza workshop e tiene corsi fotografici ad hoc. Sta scrivendo un libro riguardante alcuni momenti di vita on the road, racconterà in chiave del tutto personale le sue esperienze più idilliache. Nel 2009 ha ottenuto la laurea in architettura e dal 2005 è maestro di sci, professioni che affianca a quella di fotografo (prevalentemente) paesaggista. Sito web personale: www.forgottenlands.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *